LA BIBBIA Riveduta/Luzzi

Giovanni (Author Giovanni)

4:1Quando dunque il Signore ebbe saputo che i Farisei aveano udito ch'egli faceva e battezzava più discepoli di Giovanni

4:2(quantunque non fosse Gesù che battezzava, ma i suoi discepoli),

4:3lasciò la Giudea e se n'andò di nuovo in Galilea.

4:4Or doveva passare per la Samaria.

4:5Giunse dunque a una città della Samaria, chiamata Sichar, vicina al podere che Giacobbe dette a Giuseppe, suo figliuolo;

4:6e quivi era la fonte di Giacobbe. Gesù dunque, stanco del cammino, stava così a sedere presso la fonte. Era circa l'ora sesta.

4:7Una donna samaritana venne ad attinger l'acqua. Gesù le disse: Dammi da bere.

4:8(Giacché i suoi discepoli erano andati in città a comprar da mangiare).

4:9Onde la donna samaritana gli disse: Come mai tu che sei giudeo chiedi da bere a me che sono una donna samaritana? Infatti i Giudei non hanno relazioni co' Samaritani.

4:10Gesù rispose e le disse: Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è che ti dice: Dammi da bere, tu stessa gliene avresti chiesto, ed egli t'avrebbe dato dell'acqua viva.

4:11La donna gli disse: Signore, tu non hai nulla per attingere, e il pozzo è profondo; donde hai dunque cotest'acqua viva?

4:12Sei tu più grande di Giacobbe nostro padre che ci dette questo pozzo e ne bevve egli stesso co' suoi figliuoli e il suo bestiame?

4:13Gesù rispose e le disse: Chiunque beve di quest'acqua avrà sete di nuovo;

4:14ma chi beve dell'acqua che io gli darò, non avrà mai più sete; anzi, l'acqua che io gli darò, diventerà in lui una fonte d'acqua che scaturisce in vita eterna.

4:15La donna gli disse: Signore, dammi di cotest'acqua, affinché io non abbia più sete, e non venga più sin qua ad attingerne.

4:16Gesù le disse: Va' a chiamar tuo marito e vieni qua.

4:17La donna gli rispose: Non ho marito. E Gesù: Hai detto bene: Non ho marito;

4:18perché hai avuto cinque mariti; e quello che hai ora, non è tuo marito; in questo hai detto il vero.

4:19La donna gli disse: Signore, io vedo che tu sei un profeta.

4:20I nostri padri hanno adorato su questo monte, e voi dite che a Gerusalemme è il luogo dove bisogna adorare.

4:21Gesù le disse: Donna, credimi; l'ora viene che né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre.

4:22Voi adorate quel che non conoscete; noi adoriamo quel che conosciamo, perché la salvazione vien da' Giudei.

4:23Ma l'ora viene, anzi è già venuta, che i veri adoratori adoreranno il Padre in ispirito e verità; poiché tali sono gli adoratori che il Padre richiede.

4:24Iddio è spirito; e quelli che l'adorano, bisogna che l'adorino in ispirito e verità.

4:25La donna gli disse: Io so che il Messia (ch'è chiamato Cristo) ha da venire; quando sarà venuto, ci annunzierà ogni cosa.

4:26Gesù le disse: Io che ti parlo, son desso.

4:27In quel mentre giunsero i suoi discepoli, e si maravigliarono ch'egli parlasse con una donna; ma pur nessuno gli chiese: Che cerchi? o: Perché discorri con lei?

4:28La donna lasciò dunque la sua secchia, se ne andò in città e disse alla gente:

4:29Venite a vedere un uomo che m'ha detto tutto quello che ho fatto; non sarebb'egli il Cristo?

4:30La gente uscì dalla città e veniva a lui.

4:31Intanto i discepoli lo pregavano, dicendo: Maestro, mangia.

4:32Ma egli disse loro: Io ho un cibo da mangiare che voi non sapete.

4:33Perciò i discepoli si dicevano l'uno all'altro: Forse qualcuno gli ha portato da mangiare?

4:34Gesù disse loro: Il mio cibo è di far la volontà di Colui che mi ha mandato, e di compiere l'opera sua.

4:35Non dite voi che ci sono ancora quattro mesi e poi vien la mietitura? Ecco, io vi dico: Levate gli occhi e mirate le campagne come già son bianche da mietere.

4:36Il mietitore riceve premio e raccoglie frutto per la vita eterna, affinché il seminatore e il mietitore si rallegrino assieme.

4:37Poiché in questo è vero il detto: L'uno semina e l'altro miete.

4:38Io v'ho mandati a mieter quello intorno a cui non avete faticato; altri hanno faticato, e voi siete entrati nella lor fatica.

4:39Or molti de' Samaritani di quella città credettero in lui a motivo della testimonianza resa da quella donna: Egli m'ha detto tutte le cose che ho fatte.

4:40Quando dunque i Samaritani furon venuti a lui, lo pregarono di trattenersi da loro; ed egli si trattenne quivi due giorni.

4:41E più assai credettero a motivo della sua parola;

4:42e dicevano alla donna: Non è più a motivo di quel che tu ci hai detto, che crediamo; perché abbiamo udito da noi, e sappiamo che questi è veramente il Salvator del mondo.

4:43Passati que' due giorni, egli partì di là per andare in Galilea;

4:44poiché Gesù stesso aveva attestato che un profeta non è onorato nella sua propria patria.

4:45Quando dunque fu venuto in Galilea, fu accolto dai Galilei, perché avean vedute tutte le cose ch'egli avea fatte in Gerusalemme alla festa; poiché anch'essi erano andati alla festa.

4:46Gesù dunque venne di nuovo a Cana di Galilea, dove avea cambiato l'acqua in vino. E v'era un certo ufficial reale, il cui figliuolo era infermo a Capernaum.

4:47Come egli ebbe udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, andò a lui e lo pregò che scendesse e guarisse il suo figliuolo, perché stava per morire.

4:48Perciò Gesù gli disse: Se non vedete segni e miracoli, voi non crederete.

4:49L'ufficial reale gli disse: Signore, scendi prima che il mio bambino muoia.

4:50Gesù gli disse: Va', il tuo figliuolo vive. Quell'uomo credette alla parola che Gesù gli avea detta, e se ne andò.

4:51E come già stava scendendo, i suoi servitori gli vennero incontro e gli dissero: Il tuo figliuolo vive.

4:52Allora egli domandò loro a che ora avesse cominciato a star meglio; ed essi gli risposero: Ieri, all'ora settima, la febbre lo lasciò.

4:53Così il padre conobbe che ciò era avvenuto nell'ora che Gesù gli avea detto: Il tuo figliuolo vive; e credette lui con tutta la sua casa.

4:54Questo secondo miracolo fece di nuovo Gesù, tornando dalla Giudea in Galilea.

5:1Dopo queste cose ci fu una festa de' Giudei, e Gesù salì a Gerusalemme.

5:2Or a Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, v'è una vasca, chiamata in ebraico Betesda, che ha cinque portici.

5:3Sotto questi portici giaceva un gran numero d'infermi, di ciechi, di zoppi, di paralitici.

5:4Un angelo infatti in certi momenti discendeva nella piscina e agitava l'acqua; il primo ad entrarvi dopo l'agitazione dell'acqua guariva da qualsiasi malattia fosse affetto

5:5E quivi era un uomo, che da trentott'anni era infermo.

5:6Gesù, vedutolo che giaceva e sapendo che già da gran tempo stava così, gli disse: Vuoi esser risanato?

5:7L'infermo gli rispose: Signore, io non ho alcuno che, quando l'acqua è mossa, mi metta nella vasca, e mentre ci vengo io, un altro vi scende prima di me.

5:8Gesù gli disse: Levati, prendi il tuo lettuccio, e cammina.

5:9E in quell'istante quell'uomo fu risanato; e preso il suo lettuccio, si mise a camminare. Or quel giorno era un sabato;

5:10perciò i Giudei dissero all'uomo guarito: È sabato, e non ti è lecito portare il tuo lettuccio.

5:11Ma egli rispose loro: È colui che m'ha guarito, che m'ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina.

5:12Essi gli domandarono: Chi è quell'uomo che t'ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina?

5:13Ma colui ch'era stato guarito non sapeva chi fosse; perché Gesù era scomparso, essendovi in quel luogo molta gente.

5:14Di poi Gesù lo trovò nel tempio, e gli disse: Ecco, tu sei guarito; non peccar più, che non t'accada di peggio.

5:15Quell'uomo se ne andò, e disse ai Giudei che Gesù era quel che l'avea risanato.

5:16E per questo i Giudei perseguitavano Gesù e cercavan d'ucciderlo; perché facea quelle cose di sabato.

5:17Gesù rispose loro: Il Padre mio opera fino ad ora, ed anche io opero.

5:18Perciò dunque i Giudei più che mai cercavan d'ucciderlo; perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio.

5:19Gesù quindi rispose e disse loro: In verità, in verità io vi dico che il Figliuolo non può da se stesso far cosa alcuna, se non la vede fare dal Padre; perché le cose che il Padre fa, anche il Figlio le fa similmente.

5:20Poiché il Padre ama il Figliuolo, e gli mostra tutto quello che Egli fa; e gli mostrerà delle opere maggiori di queste, affinché ne restiate maravigliati.

5:21Difatti, come il Padre risuscita i morti e li vivifica, così anche il Figliuolo vivifica chi vuole.

5:22Oltre a ciò, il Padre non giudica alcuno, ma ha dato tutto il giudicio al Figliuolo,

5:23affinché tutti onorino il Figliuolo come onorano il Padre. Chi non onora il Figliuolo non onora il Padre che l'ha mandato.

5:24In verità, in verità io vi dico: Chi ascolta la mia parola e crede a Colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.

5:25In verità, in verità io vi dico: L'ora viene, anzi è già venuta, che i morti udranno la voce del Figliuol di Dio; e quelli che l'avranno udita, vivranno.

5:26Perché come il Padre ha vita in se stesso, così ha dato anche al Figliuolo d'aver vita in se stesso;

5:27e gli ha dato autorità di giudicare, perché è il Figliuol dell'uomo.

5:28Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori;

5:29quelli che hanno operato bene, in risurrezione di vita; e quelli che hanno operato male, in risurrezion di giudicio.

5:30Io non posso far nulla da me stesso; come odo, giudico; e il mio giudicio è giusto, perché cerco non la mia propria volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato.

5:31Se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza non è verace.

5:32V'è un altro che rende testimonianza di me; e io so che la testimonianza ch'egli rende di me, è verace.

5:33Voi avete mandato da Giovanni, ed egli ha reso testimonianza alla verità.

5:34Io però la testimonianza non la prendo dall'uomo, ma dico questo affinché voi siate salvati.

5:35Egli era la lampada ardente e splendente e voi avete voluto per breve ora godere alla sua luce.

5:36Ma io ho una testimonianza maggiore di quella di Giovanni; perché le opere che il Padre mi ha dato a compiere, quelle opere stesse che io fo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato.

5:37E il Padre che mi ha mandato, ha Egli stesso reso testimonianza di me. La sua voce, voi non l'avete mai udita; il suo sembiante, non l'avete mai veduto;

5:38e la sua parola non l'avete dimorante in voi, perché non credete in colui ch'Egli ha mandato.

5:39Voi investigate le Scritture, perché pensate aver per mezzo d'esse vita eterna, ed esse son quelle che rendon testimonianza di me;

5:40eppure non volete venire a me per aver la vita!

5:41Io non prendo gloria dagli uomini;

5:42ma vi conosco che non avete l'amor di Dio in voi.

5:43Io son venuto nel nome del Padre mio, e voi non mi ricevete; se un altro verrà nel suo proprio nome, voi lo riceverete.

5:44Come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri e non cercate la gloria che vien da Dio solo?

5:45Non crediate che io sia colui che vi accuserà davanti al Padre; v'è chi v'accusa, ed è Mosè, nel quale avete riposta la vostra speranza.

5:46Perché se credeste a Mosè, credereste anche a me; poiché egli ha scritto di me.

5:47Ma se non credete agli scritti di lui, come crederete alle mie parole?

6:1Dopo queste cose, Gesù se ne andò all'altra riva del mar di Galilea, ch'è il mar di Tiberiade.

6:2E una gran moltitudine lo seguiva, perché vedeva i miracoli ch'egli faceva sugl'infermi.

6:3Ma Gesù salì sul monte e quivi si pose a sedere co' suoi discepoli.

6:4Or la Pasqua, la festa de' Giudei, era vicina.

6:5Gesù dunque, alzati gli occhi e vedendo che una gran folla veniva a lui, disse a Filippo: Dove comprerem noi del pane perché questa gente abbia da mangiare?

6:6Diceva così per provarlo; perché sapeva bene quel che stava per fare.

6:7Filippo gli rispose: Dugento denari di pane non bastano perché ciascun di loro n'abbia un pezzetto.

6:8Uno de' suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro, gli disse:

6:9V'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci; ma che cosa sono per tanta gente?

6:10Gesù disse: Fateli sedere. Or v'era molt'erba in quel luogo. La gente dunque si sedette, ed eran circa cinquemila uomini.

6:11Gesù quindi prese i pani; e dopo aver rese grazie, li distribuì alla gente seduta; lo stesso fece de' pesci, quanto volevano.

6:12E quando furon saziati, disse ai suoi discepoli: Raccogliete i pezzi avanzati, ché nulla se ne perda.

6:13Essi quindi li raccolsero, ed empiron dodici ceste di pezzi che di que' cinque pani d'orzo erano avanzati a quelli che avean mangiato.

6:14La gente dunque, avendo veduto il miracolo che Gesù avea fatto, disse: Questi è certo il profeta che ha da venire al mondo.

6:15Gesù quindi, sapendo che stavan per venire a rapirlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, tutto solo.

6:16E quando fu sera, i suoi discepoli scesero al mare;

6:17e montati in una barca, si dirigevano all'altra riva, verso Capernaum. Già era buio, e Gesù non era ancora venuto a loro.

6:18E il mare era agitato, perché tirava un gran vento.

6:19Or com'ebbero vogato circa venticinque o trenta stadi, videro Gesù che camminava sul mare e s'accostava alla barca; ed ebbero paura.

6:20Ma egli disse loro: Son io, non temete.

6:21Essi dunque lo vollero prendere nella barca, e subito la barca toccò terra là dove eran diretti.

6:22La folla che era rimasta all'altra riva del mare, avea notato che non v'era quivi altro che una barca sola, e che Gesù non v'era entrato co' suoi discepoli, ma che i discepoli eran partiti soli.

6:23Or altre barche eran giunte da Tiberiade, presso al luogo dove avean mangiato il pane dopo che il Signore avea reso grazie.

6:24La folla, dunque, quando l'indomani ebbe veduto che Gesù non era quivi, né che v'erano i suoi discepoli, montò in quelle barche, e venne a Capernaum in cerca di Gesù.

6:25E trovatolo di là dal mare, gli dissero: Maestro, quando se' giunto qua?

6:26Gesù rispose loro e disse: In verità, in verità vi dico che voi mi cercate, non perché avete veduto de' miracoli, ma perché avete mangiato de' pani e siete stati saziati.

6:27Adopratevi non per il cibo che perisce, ma per il cibo che dura in vita eterna, il quale il Figliuol dell'uomo vi darà; poiché su lui il Padre, cioè Dio, ha apposto il proprio suggello.

6:28Essi dunque gli dissero: Che dobbiam fare per operare le opere di Dio?

6:29Gesù rispose e disse loro: Questa è l'opera di Dio: che crediate in colui che Egli ha mandato.

6:30Allora essi gli dissero: Qual segno fai tu dunque perché lo vediamo e ti crediamo? Che operi?

6:31I nostri padri mangiaron la manna nel deserto, com'è scritto: Egli diè loro da mangiare del pane venuto dal cielo.

6:32E Gesù disse loro: In verità vi dico che non Mosè vi ha dato il pane che vien dal cielo, ma il Padre mio vi dà il vero pane che viene dal cielo.

6:33Poiché il pan di Dio è quello che scende dal cielo, e dà vita al mondo.

6:34Essi quindi gli dissero: Signore, dacci sempre di codesto pane.

6:35Gesù disse loro: Io sono il pan della vita; chi viene a me non avrà fame, e chi crede in me non avrà mai sete.

6:36Ma io ve l'ho detto: Voi m'avete veduto, eppur non credete!

6:37Tutto quel che il Padre mi dà, verrà a me; e colui che viene a me, io non lo caccerò fuori;

6:38perché son disceso dal cielo per fare non la mia volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato.

6:39E questa è la volontà di Colui che mi ha mandato: ch'io non perda nulla di tutto quel ch'Egli m'ha dato, ma che lo risusciti nell'ultimo giorno.

6:40Poiché questa è la volontà del Padre mio: che chiunque contempla il Figliuolo e crede in lui, abbia vita eterna; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.

6:41I Giudei perciò mormoravano di lui perché avea detto: Io sono il pane che è disceso dal cielo.

6:42E dicevano: Non è costui Gesù, il figliuol di Giuseppe, del quale conosciamo il padre e la madre? Come mai dice egli ora: Io son disceso dal cielo?

6:43Gesù rispose e disse loro: Non mormorate fra voi.

6:44Niuno può venire a me se non che il Padre, il quale mi ha mandato, lo attiri; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.

6:45È scritto nei profeti: E saranno tutti ammaestrati da Dio. Ogni uomo che ha udito il Padre ed ha imparato da lui, viene a me.

6:46Non che alcuno abbia veduto il Padre, se non colui che è da Dio; egli ha veduto il Padre.

6:47In verità, in verità io vi dico: Chi crede ha vita eterna.

6:48Io sono il pan della vita.

6:49I vostri padri mangiarono la manna nel deserto e morirono.

6:50Questo è il pane che discende dal cielo, affinché chi ne mangia non muoia.

6:51Io sono il pane vivente, che è disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno; e il pane che darò è la mia carne, che darò per la vita del mondo.

6:52I Giudei dunque disputavano fra di loro, dicendo: Come mai può costui darci a mangiare la sua carne?

6:53Perciò Gesù disse loro: In verità, in verità io vi dico che se non mangiate la carne del Figliuol dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete la vita in voi.

6:54Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha vita eterna; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.

6:55Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue è vera bevanda.

6:56Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me, ed io in lui.

6:57Come il vivente Padre mi ha mandato e io vivo a cagion del Padre, così chi mi mangia vivrà anch'egli a cagion di me.

6:58Questo è il pane che è disceso dal cielo; non qual era quello che i padri mangiarono e morirono; chi mangia di questo pane vivrà in eterno.

6:59Queste cose disse Gesù, insegnando nella sinagoga di Capernaum.

6:60Onde molti dei suoi discepoli, udite che l'ebbero, dissero: Questo parlare è duro; chi lo può ascoltare?

6:61Ma Gesù, conoscendo in se stesso che i suoi discepoli mormoravan di ciò, disse loro: Questo vi scandalizza?

6:62E che sarebbe se vedeste il Figliuol dell'uomo ascendere dov'era prima?

6:63È lo spirito quel che vivifica; la carne non giova nulla; le parole che vi ho dette, sono spirito e vita.

6:64Ma fra voi ve ne sono alcuni che non credono. Poiché Gesù sapeva fin da principio chi eran quelli che non credevano, e chi era colui che lo tradirebbe.

6:65E diceva: Per questo v'ho detto che niuno può venire a me, se non gli è dato dal Padre.

6:66D'allora molti de' suoi discepoli si ritrassero indietro e non andavan più con lui.

6:67Perciò Gesù disse ai dodici: Non ve ne volete andare anche voi?

6:68Simon Pietro gli rispose: Signore, a chi ce ne andremmo noi? Tu hai parole di vita eterna;

6:69e noi abbiam creduto ed abbiam conosciuto che tu sei il Santo di Dio.

6:70Gesù rispose loro: Non ho io scelto voi dodici? Eppure, un di voi è un diavolo.

6:71Or egli parlava di Giuda, figliuol di Simone Iscariota, perché era lui, uno di quei dodici, che lo dovea tradire.



Original from bugindaro.interfree.it. Source claims this copy is in the public domain.