LA BIBBIA Riveduta/Luzzi

Salmi (Author Mosè, Davide, Salomone, Asaf, Heman, Ethan, sons of Kore, compiled by Esdra)

61:1O Dio, ascolta il mio grido, attendi alla mia preghiera.

61:2Dall'estremità della terra io grido a te, con cuore abbattuto; conducimi alla ròcca ch'è troppo alta per me;

61:3poiché tu mi sei stato un rifugio, una forte torre dinanzi al nemico.

61:4Io dimorerò nel tuo tabernacolo per sempre, mi riparerò all'ombra delle tue ali. Sela.

61:5Poiché tu, o Dio, hai esaudito i miei voti, m'hai dato l'eredità di quelli che temono il tuo nome.

61:6Aggiungi dei giorni ai giorni del re, siano i suoi anni come molte età!

61:7Segga sul trono nel cospetto di Dio in perpetuo! Ordina alla benignità e alla verità di guardarlo;

61:8così salmeggerò al tuo nome in perpetuo, e adempirò ogni giorno i miei voti.

62:1L'anima mia s'acqueta in Dio solo; da lui viene la mia salvezza.

62:2Egli solo è la mia ròcca e la mia salvezza, il mio alto ricetto; io non sarò grandemente smosso.

62:3Fino a quando vi avventerete sopra un uomo e cercherete tutti insieme di abbatterlo come una parete che pende, come un muricciuolo che cede?

62:4Essi non pensano che a farlo cadere dalla sua altezza; prendon piacere nella menzogna; benedicono con la bocca, ma internamente maledicono. Sela.

62:5Anima mia, acquétati in Dio solo, poiché da lui viene la mia speranza.

62:6Egli solo è la mia ròcca e la mia salvezza; egli è il mio alto ricetto; io non sarò smosso.

62:7In Dio è la mia salvezza e la mia gloria; la mia forte ròcca e il mio rifugio sono in Dio.

62:8Confida in lui ogni tempo, o popolo; espandi il tuo cuore nel suo cospetto; Dio è il nostro rifugio. Sela.

62:9Gli uomini del volgo non sono che vanità, e i nobili non sono che menzogna; messi sulla bilancia vanno su, tutti assieme son più leggeri della vanità.

62:10Non confidate nell'oppressione, e non mettete vane speranze nella rapina; se le ricchezze abbondano, non vi mettete il cuore.

62:11Dio ha parlato una volta, due volte ho udito questo: Che la potenza appartiene a Dio;

62:12e a te pure, o Signore, appartiene la misericordia; perché tu renderai a ciascuno secondo le sue opere.

63:1O Dio, tu sei l'Iddio mio, io ti cerco dall'alba; l'anima mia è assetata di te, la mia carne ti brama in una terra arida, che langue, senz'acqua.

63:2Così t'ho io mirato nel santuario per veder la tua forza e la tua gloria.

63:3Poiché la tua benignità val meglio della vita; le mie labbra ti loderanno.

63:4Così ti benedirò finché io viva, e alzerò le mani invocando il tuo nome.

63:5L'anima mia sarà saziata come di midollo e di grasso, e la mia bocca ti loderà con labbra giubilanti.

63:6Quand'io mi ricordo di te sul mio letto, medito di te nelle veglie della notte.

63:7Poiché tu sei stato il mio aiuto, ed io giubilo all'ombra delle tue ali.

63:8L'anima mia s'attacca a te per seguirti; la tua destra mi sostiene.

63:9Ma costoro che cercano la rovina dell'anima mia, entreranno nelle parti più basse della terra.

63:10Saran dati in balìa della spada, saranno la preda degli sciacalli.

63:11Ma il re si rallegrerà in Dio; chiunque giura per lui si glorierà, perché la bocca di quelli che dicon menzogne sarà turata.



Original from bugindaro.interfree.it. Source claims this copy is in the public domain.