LA BIBBIA Riveduta/Luzzi

Matteo (Author Matteo)

1:1Genealogia di Gesù Cristo figliuolo di Davide, figliuolo d'Abramo.

1:2Abramo generò Isacco; Isacco generò Giacobbe; Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli;

1:3Giuda generò Fares e Zara da Tamar; Fares generò Esrom; Esrom generò Aram;

1:4Aram generò Aminadab; Aminadab generò Naasson; Naasson generò Salmon;

1:5Salmon generò Booz da Rahab; Booz generò Obed da Ruth; Obed generò Iesse,

1:6e Iesse generò Davide, il re. E Davide generò Salomone da quella ch'era stata moglie d'Uria;

1:7Salomone generò Roboamo; Roboamo generò Abia; Abia generò Asa;

1:8Asa generò Giosafat; Giosafat generò Ioram; Ioram generò Uzzia;

1:9Uzzia generò Ioatam; Ioatam generò Achaz; Achaz generò Ezechia;

1:10Ezechia generò Manasse; Manasse generò Amon; Amon generò Giosia;

1:11Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli al tempo della deportazione in Babilonia.

1:12E dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatiel; Salatiel generò Zorobabel;

1:13Zorobabel generò Abiud; Abiud generò Eliachim; Eliachim generò Azor;

1:14Azor generò Sadoc; Sadoc generò Achim; Achim generò Eliud;

1:15Eliud generò Eleazaro; Eleazaro generò Mattan; Mattan generò Giacobbe;

1:16Giacobbe generò Giuseppe, il marito di Maria, dalla quale nacque Gesù, che è chiamato Cristo.

1:17Così da Abramo fino a Davide sono in tutto quattordici generazioni; e da Davide fino alla deportazione in Babilonia, quattordici generazioni; e dalla deportazione in Babilonia fino a Cristo, quattordici generazioni.

1:18Or la nascita di Gesù Cristo avvenne in questo modo. Maria, sua madre, era stata promessa sposa a Giuseppe; e prima che fossero venuti a stare insieme, si trovò incinta per virtù dello Spirito Santo.

1:19E Giuseppe, suo marito, essendo uomo giusto e non volendo esporla ad infamia, si propose di lasciarla occultamente.

1:20Ma mentre avea queste cose nell'animo, ecco che un angelo del Signore gli apparve in sogno, dicendo: Giuseppe, figliuol di Davide, non temere di prender teco Maria tua moglie; perché ciò che in lei è generato, è dallo Spirito Santo.

1:21Ed ella partorirà un figliuolo, e tu gli porrai nome Gesù, perché è lui che salverà il suo popolo dai loro peccati.

1:22Or tutto ciò avvenne, affinché si adempiesse quello che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

1:23Ecco, la vergine sarà incinta e partorirà un figliuolo, al quale sarà posto nome Emmanuele, che, interpretato, vuol dire: "Iddio con noi".

1:24E Giuseppe, destatosi dal sonno, fece come l'angelo del Signore gli avea comandato, e prese con sé sua moglie;

1:25e non la conobbe finch'ella non ebbe partorito un figlio; e gli pose nome Gesù.

2:1Or essendo Gesù nato in Betleem di Giudea, ai dì del re Erode, ecco dei magi d'Oriente arrivarono in Gerusalemme, dicendo:

2:2Dov'è il re de' Giudei che è nato? Poiché noi abbiam veduto la sua stella in Oriente e siam venuti per adorarlo.

2:3Udito questo, il re Erode fu turbato, e tutta Gerusalemme con lui.

2:4E radunati tutti i capi sacerdoti e gli scribi del popolo, s'informò da loro dove il Cristo dovea nascere.

2:5Ed essi gli dissero: In Betleem di Giudea; poiché così è scritto per mezzo del profeta:

2:6E tu, Betleem, terra di Giuda, non sei punto la minima fra le città principali di Giuda; perché da te uscirà un Principe, che pascerà il mio popolo Israele.

2:7Allora Erode, chiamati di nascosto i magi, s'informò esattamente da loro del tempo in cui la stella era apparita;

2:8e mandandoli a Betleem, disse loro: Andate e domandate diligentemente del fanciullino; e quando lo avrete trovato, fatemelo sapere, affinché io pure venga ad adorarlo.

2:9Essi dunque, udito il re, partirono; ed ecco la stella che aveano veduta in Oriente, andava dinanzi a loro, finché, giunta al luogo dov'era il fanciullino, vi si fermò sopra.

2:10Ed essi, veduta la stella, si rallegrarono di grandissima allegrezza.

2:11Ed entrati nella casa, videro il fanciullino con Maria sua madre; e prostratisi, lo adorarono; ed aperti i loro tesori, gli offrirono dei doni: oro, incenso e mirra.

2:12Poi, essendo stati divinamente avvertiti in sogno di non ripassare da Erode, per altra via tornarono al loro paese.

2:13Partiti che furono, ecco un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: Lèvati, prendi il fanciullino e sua madre, e fuggi in Egitto, e sta' quivi finch'io non tel dica; perché Erode cercherà il fanciullino per farlo morire.

2:14Egli dunque levatosi, prese di notte il fanciullino e sua madre, e si ritirò in Egitto;

2:15ed ivi stette fino alla morte di Erode, affinché si adempiesse quello che fu detto dal Signore per mezzo del profeta: Fuor d'Egitto chiamai il mio figliuolo.

2:16Allora Erode vedutosi beffato dai magi, si adirò gravemente, e mandò ad uccidere tutti i maschi ch'erano in Betleem e in tutto il suo territorio dall'età di due anni in giù, secondo il tempo del quale s'era esattamente informato dai magi.

2:17Allora si adempié quello che fu detto per bocca del profeta Geremia:

2:18Un grido è stato udito in Rama; un pianto ed un lamento grande: Rachele piange i suoi figliuoli e ricusa d'esser consolata, perché non sono più.

2:19Ma dopo che Erode fu morto, ecco un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto, e gli disse:

2:20Lèvati, prendi il fanciullino e sua madre, e vattene nel paese d'Israele; perché son morti coloro che cercavano la vita del fanciullino.

2:21Ed egli, levatosi, prese il fanciullino e sua madre ed entrò nel paese d'Israele.

2:22Ma udito che in Giudea regnava Archelao invece d'Erode, suo padre, temette d'andar colà; ed essendo stato divinamente avvertito in sogno, si ritirò nelle parti della Galilea,

2:23e venne ad abitare in una città detta Nazaret, affinché si adempiesse quello ch'era stato detto dai profeti, ch'egli sarebbe chiamato Nazareno.

3:1Or in que' giorni comparve Giovanni il Battista, predicando nel deserto della Giudea e dicendo:

3:2Ravvedetevi, poiché il regno de' cieli è vicino.

3:3Di lui parlò infatti il profeta Isaia quando disse: V'è una voce d'uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, addirizzate i suoi sentieri.

3:4Or esso Giovanni aveva il vestimento di pelo di cammello ed una cintura di cuoio intorno a' fianchi; ed il suo cibo erano locuste e miele selvatico.

3:5Allora Gerusalemme e tutta la Giudea e tutto il paese d'intorno al Giordano presero ad accorrere a lui;

3:6ed erano battezzati da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.

3:7Ma vedendo egli molti dei Farisei e dei Sadducei, venire al suo battesimo, disse loro: Razza di vipere, chi v'ha insegnato a fuggir dall'ira a venire?

3:8Fate dunque de' frutti degni del ravvedimento.

3:9E non pensate di dir dentro di voi: Abbiamo per padre Abramo; perché io vi dico che Iddio può da queste pietre far sorgere de' figliuoli ad Abramo.

3:10E già la scure è posta alla radice degli alberi; ogni albero dunque che non fa buon frutto, sta per esser tagliato e gittato nel fuoco.

3:11Ben vi battezzo io con acqua, in vista del ravvedimento; ma colui che viene dietro a me è più forte di me, ed io non son degno di portargli i calzari; egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e con fuoco.

3:12Egli ha il suo ventilabro in mano, e netterà interamente l'aia sua, e raccoglierà il suo grano nel granaio, ma arderà la pula con fuoco inestinguibile.

3:13Allora Gesù dalla Galilea si recò al Giordano da Giovanni per esser da lui battezzato.

3:14Ma questi vi si opponeva dicendo: Son io che ho bisogno d'esser battezzato da te, e tu vieni a me?

3:15Ma Gesù gli rispose: Lascia fare per ora; poiché conviene che noi adempiamo così ogni giustizia. Allora Giovanni lo lasciò fare.

3:16E Gesù, tosto che fu battezzato, salì fuor dell'acqua; ed ecco i cieli s'apersero, ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venir sopra lui.

3:17Ed ecco una voce dai cieli che disse: Questo è il mio diletto Figliuolo nel quale mi son compiaciuto.

4:1Allora Gesù fu condotto dallo Spirito su nel deserto, per esser tentato dal diavolo.

4:2E dopo che ebbe digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame.

4:3E il tentatore, accostatosi, gli disse: Se tu sei Figliuol di Dio, di' che queste pietre divengan pani.

4:4Ma egli rispondendo disse: Sta scritto: Non di pane soltanto vivrà l'uomo, ma d'ogni parola che procede dalla bocca di Dio.

4:5Allora il diavolo lo menò seco nella santa città e lo pose sul pinnacolo del tempio,

4:6e gli disse: Se tu sei Figliuol di Dio, gettati giù; poiché sta scritto: Egli darà ordine ai suoi angeli intorno a te, ed essi ti porteranno sulle loro mani, che talora tu non urti col piede contro una pietra.

4:7Gesù gli disse: Egli è altresì scritto: Non tentare il Signore Iddio tuo.

4:8Di nuovo il diavolo lo menò seco sopra un monte altissimo, e gli mostrò tutti i regni del mondo e la lor gloria, e gli disse:

4:9Tutte queste cose io te le darò, se, prostrandoti, tu mi adori.

4:10Allora Gesù gli disse: Va', Satana, poiché sta scritto: Adora il Signore Iddio tuo, ed a lui solo rendi il culto.

4:11Allora il diavolo lo lasciò; ed ecco degli angeli vennero a lui e lo servivano.

4:12Or Gesù, avendo udito che Giovanni era stato messo in prigione, si ritirò in Galilea.

4:13E, lasciata Nazaret, venne ad abitare in Capernaum, città sul mare, ai confini di Zabulon e di Neftali,

4:14affinché si adempiesse quello ch'era stato detto dal profeta Isaia:

4:15Il paese di Zabulon e il paese di Neftali, sulla via del mare, al di là del Giordano, la Galilea de' Gentili,

4:16il popolo che giaceva nelle tenebre, ha veduto una gran luce; su quelli che giacevano nella contrada e nell'ombra della morte, una luce s'è levata.

4:17Da quel tempo Gesù cominciò a predicare e a dire: Ravvedetevi, perché il regno de' cieli è vicino.

4:18Or passeggiando lungo il mare della Galilea, egli vide due fratelli, Simone detto Pietro, e Andrea suo fratello, i quali gettavano la rete in mare; poiché erano pescatori.

4:19E disse loro: Venite dietro a me, e vi farò pescatori d'uomini.

4:20Ed essi, lasciate prontamente le reti, lo seguirono.

4:21E passato più oltre, vide due altri fratelli, Giacomo di Zebedeo e Giovanni, suo fratello, i quali nella barca, con Zebedeo loro padre, rassettavano le reti; e li chiamò.

4:22Ed essi, lasciata subito la barca e il padre loro, lo seguirono.

4:23E Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando l'evangelo del Regno, sanando ogni malattia ed ogni infermità fra il popolo.

4:24E la sua fama si sparse per tutta la Siria; e gli recarono tutti i malati colpiti da varie infermità e da varî dolori, indemoniati, lunatici, paralitici; ed ei li guarì.

4:25E grandi folle lo seguirono dalla Galilea e dalla Decapoli e da Gerusalemme e dalla Giudea e d'oltre il Giordano.



Original from bugindaro.interfree.it. Source claims this copy is in the public domain.